Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 299 del 30/4/2014

pesca\1 approvato il programma ittico 2014

oltre 200 mila euro per le immissioni e le tutele

Immagine corrente

Dalle quote per il "contributo ittiogenico provinciale" versate dai pescatori per al prima volta nel 2013, la Provincia ha incassato oltre 65 mila euro che saranno utilizzati sia per l'acquisto di pesce da immettere nei corsi d'acqua che per attività di tutela della fauna ittica. Lo ha deciso il Consiglio provinciale approvando nei giorni scorsi all'unanimità il Programma annuale per la tutela e lo sviluppo della fauna ittica nel modenese.

Oltre ai 65 mila euro incassati dal contributo, la Provincia può contare per il 2014 sulle risorse regionali derivanti dalle quote sulle licenze di pesca (oltre 76 mila euro), su fondi dal bilancio della Provincia stessa pari a 50 mila euro, altre entrate per 14 mila euro provenienti dalla vendita di permessi su tratti a regime speciale e sette mila da altre attività per complessivi 205 mila euro.

Come prevede il Programma provinciale approvato, queste risorse saranno impiegate per finanziare le attività del Nucleo tutela fauna ittica della Provincia (vedi comunicato n.300): gestione e sviluppo della pesca, vigilanza, immissioni e recuperi della fauna ittica in difficoltà

Come ha illustrato Luca Gozzoli, assessore provinciale alle Politiche faunistiche, «il Programma prevede le regole e le azioni destinate a migliorare il nostro patrimonio ittico. Una ricchezza che soprattutto in montagna è diventata in questi ultimi anni anche una opportunità di carattere turistico grazie alla diffusione della pesca no kill con punte di giornaliere di oltre 600 pescatori, anche da fuori provincia, presenti sui nostri corsi d'acqua».

La pesca in montagna si è aperta il 30 marzo (in pianura e collina è consentita tutto l'anno ma con regolamentazioni). Nel modenese la pesca coinvolge oltre nove mila appassionati. Il territorio provinciale è suddiviso in cinque zone di pesca dalla montagna alla pianura. Ogni pescatore può sceglierne una con un contributo di otto euro alla Provincia che sale a 15 euro se si intende andare a pesca in tutte le zone.

Oltre alle risorse e le modalità del loro impiego, il Programma individua le specie di interesse e le forme di conservazione, le zone di tutela, i ripopolamenti e le modalità di collaborazione delle associazioni.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
30/4/2014
Numero
299
Ora
15,25
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: mercoledý 30 aprile 2014
data di modifica: mercoledý 30 aprile 2014