Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 308 del 6/5/2014

caccia\1 - via libera al calendario venatorio 2014
divieti nelle aree alluvionate, le date e le regole

Immagine corrente

Nelle aree colpite dall'alluvione del gennaio scorso quest'anno non si potrà cacciare la piccola fauna stanziale come lepri e fagiani. E' una delle novità contenute nel calendario venatorio 2014-2015 approvato, martedì 6 maggio, dalla Giunta provinciale. Il documento contiene anche la cartografia delle aree alluvionate dove scattano i divieti di caccia e sarà disponibile nel sito www.provincia.modena.it nella sezione Politiche faunistiche.

«I divieti per le zone alluvionate - sottolinea Luca Gozzoli, assessore provinciale alle Politiche faunistiche - scaturisce dalla necessità di consentire un più efficace e rapido riequilibrio in un'area dove anche la fauna è stata duramente colpita dall'alluvione».

Tra le altre novità l'obbligo di indossare indumenti a "visibilità alta" per i cacciatori alla piccola fauna stanziale e alla beccaccia che frequentano le aree dove si svolge la caccia collettiva al cinghiale che parte dal 1 ottobre. In pratica ogni cacciatore è tenuto ad indossare almeno un capo di abbigliamento (pantaloni, camicie, gilet e cappello) di colore giallo o arancione per risultare maggiormente visibile, garantendo una maggiore sicurezza.

Il calendario indica le date principali che scandiscono l'attività nella prossima stagione: la caccia alla selvaggina stanziale che coinvolge oltre sei mila doppiette partirà domenica 21 settembre per chiudere il 7 dicembre e sarà anticipata, dal 1 settembre, da sei giornate di preapertura con limitazioni, precedute dal via all'attività di addestramento cani prevista dal 15 agosto; intanto può partire la caccia individuale di selezione al cinghiale una volta terminate le procedure amministrative degli Atc; infine con l'ok al calendario, può partire dal 1 giugno la caccia al capriolo maschio, in anticipo rispetto agli anni precedenti per contrastare più efficacemente la proliferazione, mentre la caccia di selezione al cervo è prevista da ottobre a marzo, con limitazioni, al fine di contenere una specie in aumento che sta provocando diversi danni in particolare al patrimonio agroforestale.  

Sono confermate nel calendario le regole per la caccia a diverse specie da tutelare come la pernice rossa e l'allodola per la quale sono previste limitazioni al carniere; per i corvidi, invece, confermate le regole per aumentare l'incisività del prelievo a tutela dell'agricoltura (la caccia al merlo chiude il 22 dicembre).

Previste, inoltre, regole sulla caccia alla volpe, al fine di garantire una maggiore sicurezza, e sulla caccia stanziale durante il mese di gennaio.

Per salvaguardare la beccaccia, nei mesi invernali sono previste sospensioni temporanee (comunicate tramite il sito della Provincia) in caso di forti gelate.

Viene specificato, inoltre, che per fucile scarico si intende l'arma che non contiene cartucce  nel serbatoio e nemmeno in camera di cartuccia, mentre per le distanze di sicurezza (150 metri dalle abitazioni) non sono da considerare gli edifici con il tetto crollato e non in ristrutturazione. 

Confermato, infine, il riconoscimento formale della caccia con il falco (consentita dalla legislazione nazionale e regionale) per la quale valgono le disposizioni previste per l'attività venatoria alla fauna stanziale.    

 

 

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
6/5/2014
Numero
308
Ora
13
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: martedý 6 maggio 2014
data di modifica: martedý 6 maggio 2014