Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 63 del 10/2/2017

Pievepelago, reti nel bosco per catturare uccelli
Scoperto e denunciato dalla polizia provinciale

Immagine corrente

A Pievepelago gli agenti della Polizia provinciale hanno denunciato un cittadino per il reato di uccellagione tramite l'installazione ai margini di un bosco tra S.Annapelago e Roccapelago di una rete lunga 20 metri e alta due metri e mezzo allo scopo di catturare uccelli vivi.

Nella serata di giovedì 9 febbraio, il presunto responsabile, ha raggiunto l'installazione, probabilmente per controllare la presenza di animali impigliati, ma è stato scoperto e denunciato dagli agenti della Polizia provinciale che si erano appostati in zona, dopo diversi e pazienti sopralluoghi, nell'ambito di un piano antibracconaggio e di contrasto dell'uccellagione, vietata dalla legge.

La rete, del tipo a  "mist-net", era praticamente una trappola per catturare vivi  gli uccelli e destinarli molto probabilmente all'utilizzo come richiami vivi per la caccia.

Tutta l'attrezzatura è stata sequestrata ed è stata inviata informativa di reato alla Procura. In base alla legge sulla caccia, l'uccellagione è punita con una ammenda fino a oltre due mila euro.

La Polizia provinciale è impegnata da tempo nel tentativo di scongiurare queste catture illecite alle quali possono essere connessi altri tipi di reato come la detenzione di specie animali protette e il maltrattamento di animali.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
10/2/2017
Numero
63
Ora
15
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: martedý 14 febbraio 2017
data di modifica: martedý 14 febbraio 2017