Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 283 del 07/03/2005

nella zona di marano grave episodio di bracconaggio
ucciso a sasso nero uno splendido esemplare di cervo

Uno splendido esemplare di cervo è stato ucciso dai bracconieri in località Sasso nero nella zona di Ospitaletto di Marano. Il corpo è stato ritrovato ieri domenica 6 marzo da un agente della Polizia provinciale su segnalazione di un cittadino.

Subito avviate dalla Provincia le prime indagini per cercare eventuali testimoni utili a individuare il responsabile da segnalare all’autorità giudiziaria: il cervo nel modenese è un animale protetto, quindi si tratta di un caso evidente di bracconaggio.

"E’ il primo episodio di questa gravità – sottolinea Emanuela Turrini, comandante della Polizia provinciale – nel nostro territorio negli ultimi mesi che tra l’altro avviene a caccia chiusa. Il bracconaggio non solo danneggia la fauna protetta come in questo caso, ma è anche estremamente pericoloso perché i bracconieri, per non venire scoperti, escono a caccia anche di notte utilizzando carabine a lunga gittata che sparano fino a tre chilometri, quindi molto rischiose per l’incolumità dei cittadini".

Il cervo, del peso di oltre due quintali e mezzo, è stato ucciso da una sola fucilata alla schiena. Ma non è morto subito: ferito, è riuscito a sfuggire ai bracconieri, interessati probabilmente alla sua carne, per poi concludere la sua fuga lungo in un calanco. Il corpo è stato poi recuperato dagli agenti provinciali e consegnato ad una ditta specializzata per lo smaltimento.

Il cervo non è molto diffuso nel nostro Appennino. Vive in piccoli gruppi segnalati, finora, solamente nelle zone di Pavullo, Prignano, Lama Mocogno e, appunto, nella zona di Marano.

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: lunedý 7 marzo 2005
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005