Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 1752 del 27/12/2007

pievepelago, reti nel bosco per catturare gli uccelli
denunciato da polizia provinciale con cesene vive

Lo hanno sorpreso gli agenti della Polizia provinciale, nei giorni scorsi, in un bosco di Serra S.Maria a Pievepelago, mentre toglieva da due reti appese agli alberi alcuni uccelli rimasti imprigionati.  L’uomo ha negato di aver montato le reti ma, non essendo in possesso della licenza di caccia,  è stato comunque denunciato per furto ai danni del patrimonio indisponibile dello Stato. Sono tuttora in corso, invece, le indagini  sul reato di uccellagione, la pratica, vietata dalla legge, di catturare gli uccelli vivi, utilizzando trappole o reti, per venderli sul mercato nero.  Gli uccelli catturati, tutte cesene, sono stati liberati.

Come spiegano gli agenti della Polizia provinciale, l’uccellagione è molto difficile da scoprire. In questo caso sono serviti due mesi di indagini sulla base di segnalazioni dei cittadini circa presunti episodi di uccellagione nella zona di Pievepelago, Fiumalbo e Frassinoro.

Durante un sopralluogo mirato, gli agenti hanno avvistato le due reti e hanno atteso l’arrivo di eventuali responsabili, mentre un altro agente sorvegliava un’auto parcheggiata nelle vicinanze. Dopo poco tempo è arrivato l’uomo  che ha iniziato a districare gli uccelli dalle reti; alla vista degli agenti ha iniziato correre verso l’auto, dove c’era però l’altro agente appostato. E’ scattata la denuncia e le reti sono state sequestrate.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
27/12/2007
Numero
1752
Ora
17
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: giovedý 27 dicembre 2007
data di modifica: giovedý 27 dicembre 2007