Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 63 del 17/1/2008

piano faunistico \ 3 – l’identikit del cacciatore
10 mila praticanti, costanti ma sempre più anziani

Sono quasi diecimila le doppiette impegnate nell’attuale stagione venatoria che si conclude, per quanto riguarda la caccia alla selvaggina stanziale e di selezione al cinghiale, il 31 gennaio. Un numero che rimane costante negli ultimi anni, mentre si alza costantemente l’età media che ora è di circa 58 anni, mentre solo il due per cento degli appassionati ha meno di 30 anni.

È questo l’identikit del cacciatore modenese fornito nel Piano faunistico venatorio della Provincia di Modena. 

Sono soprattutto due i tipi di caccia praticati maggiormente:  la caccia alla piccola fauna stanziale con il cane da ferma e la caccia agli ungulati che, sebbene scoperta solo di recente, sta raccogliendo un numero crescente di appassionati.  La caccia collettiva e l’attività di selezione del cinghiale per ridurre i danni agricoli ha permesso nel 2006 di abbattere oltre mille capi con il coinvolgimento di circa 1500 cacciatori.

Nel Piano sono illustrati gli istituti faunistici presenti sul territorio: i tre Atc, gli istituti privati (come le aziende venatorie), le zone di protezione della fauna selvatica, i Parchi e le riserve naturali.

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
17/1/2008
Numero
63
Ora
15
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: giovedý 17 gennaio 2008
data di modifica: giovedý 17 gennaio 2008