Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 140 del 6/2/2008

piano faunistico \ 3 - la biodiversità nel modenese
presenti 237 specie di uccelli e 61 mammiferi

Quasi 300 specie animali, 237 uccelli e 61 mammiferi, sparsi in oltre 240 mila ettari di superficie agro-silvo-pastorale.  Sono i numeri delle più significative biodiversità presenti nel territorio modenese in base alla fotografia fornita nel Piano faunistico provinciale.

Tra le specie animali spiccano quelle dichiarate di interesse comunitario dalla normativa europea e per le quali è prevista una qualche forma di tutela, tra cui il lupo, l’istrice, la cicogna bianca, il gufo di palude, l’aquila reale, il falco pellegrino e la moretta tabaccata.

Una sezione è dedicata all’avifauna migratoria e alle specie tipiche delle zone umide di cui è particolarmente ricco il territorio modenese: 11 siti di censimento tra cui spiccano le Valli di Mortizzuolo e  S.Martino in Spino, note ai ricercatori anche a livello nazionale, che ospitano circa la metà della fauna migratoria del modenese, tra cui la gallinella d’acqua, il frullino, il beccaccino, il piro piro e la casarca.

Si parla anche di aquila reale, la cui presenza continuerà ad essere monitorata, del falco pellegrino (sei-otto coppie rilevate a Sassoguidano di Pavullo e a Roccamalatina), infine il lupo sul quale la Provincia ha effettuato da diversi anni una ricerca che ha permesso di individuare la presenza stabile di tre nuclei familiari.

La superficie agro-silvo-pastorale - che rappresenta circa il 90 per cento della superficie complessiva del territori provinciale - è in costante calo alla media di quasi mille ettari all’anno (era 249 mila ettari nel 2000) a causa della progressiva occupazione del territorio da parte di insediamenti civili e industriali, soprattutto in pianura e in parte della collina.

Circa metà della superficie agro-silvo-pastorale è  caratterizzata da seminativi, poi vengono i boschi (23 per cento), frutteti e vigneti (8 per cento), poi una lunga serie di tipologie sotto l’uno per cento come fiumi, brughiere d’alta quota, risaie, calanchi, aree estrattive, castagneti e bacini naturali.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
6/2/2008
Numero
140
Ora
12
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: mercoledý 6 febbraio 2008
data di modifica: mercoledý 6 febbraio 2008