Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 189 del 14/2/2008

in consiglio la tutela dell’avifauna in declino

nell’ordine del giorno limiti di caccia per 14 specie

Un ordine del giorno che impegna la Provincia ad adottare nel calendario venatorio provvedimenti di tutela dell’avifauna in declino è stato approvato dal Consiglio provinciale di Modena, con il voto favorevole dei gruppi di maggioranza e dell’Udc e l’astensione di Forza Italia e An. Il documento, proposto da Aldo Imperiale (Prc) invita anche la Regione ad assumere analoghi provvedimenti nel calendario venatorio regionale. «Non c’è nessun accanimento contro il mondo venatorio – ha detto Imperiale illustrando la proposta – si tratta infatti di specie residuali per la caccia. Non influisce sul carniere ma sulla cultura venatoria che speriamo si evolva». Le specie per le quali il provvedimento prevede limiti al carniere giornaliero e stagionale sono 14: starna, pavoncella, pernice rossa, tortora, allodola, beccaccia, beccaccino, quaglia, frullino, canapiglia, codone, marzaiola, mestolone, moriglione. Inserite tra quelle in declino, come ha sottolineato Imperiale, da “BirdLife international”.

«Se questa caccia non la fa nessuno come può incidere sul declino di queste specie?» si è domandato Luca Caselli (An), aggiungendo che «è tutto da dimostrare che queste specie siano in declino». Walter Telleri (Verdi) ha replicato che «sono residuali non perché nessuno le cacci, ma perché sono ridotte talmente al lumicino che nessuno le trova» e ha proposto di «usare il tempo fino all’apertura della caccia per approfondire gli studi sulla situazione reale di queste specie». Anche per Demos Malavasi (Pd) «va aperta una discussione sul calendario per cercare una soluzione al problema» e ha proposto che l’assessore si riunisca con la commissione». Tomaso Tagliani (Udc) ha ribadito che «come recepito dall’ordine del giorno, la caccia alla starna va vietata anche nelle aziende faunistico venatorie perché la pastura che vi viene gettata attira i branchi da fuori».

Aldo Imperiale ha concluso che il valore dell’ordine del giorno sta nel «segnale politico che si lancia alla Regione di superare il binomio ripopolamento-estinzione per arrivare a quello censimento-piani di prelievo».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
14/2/2008
Numero
189
Ora
13.45
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: giovedý 14 febbraio 2008
data di modifica: giovedý 14 febbraio 2008