Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 253 del 28/2/2008

oasi la francesa a fossoli \ 1 – riapre sabato 1 marzo

a carpi lo “spettacolo” degli uccelli migratori

Apre al pubblico sabato 1 marzo l’oasi naturalistica La Francesa a Fossoli di Carpi.  Fino al 30 giugno, tutti i fine settimana (dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19,30), sarà possibile ammirare lo spettacolo della nidificazione delle tante specie di uccelli da tutta Europa che, ogni anno a partire dalla metà di marzo, scelgono questa zona umida come tappa del loro percorso migratorio verso le zone più calde: tra questi il cavaliere d’Italia, la pavoncella, folaghe, tufetti e coloratissime marzaiole, ma anche specie più rare come la casarca e la volpoca, mentre tutto l’anno si possono ammirare aironi, gallinelle d’acqua e cormorani.

Per festeggiare l’apertura, sabato 1 marzo (ore 10,30) è previsto un incontro nella sede del Centro visita dell’oasi (in via Francesa, nei pressi dell’ex  Campo di Fossoli) al quale partecipano Alberto Caldana, assessore all’Ambiente della Provincia di Modena, Mirco Arletti, assessore all’Ambiente del Comune di Carpi, amministratori dei Comuni dell’Unione Terre d’argine ed Enzo Malagoli, presidente dell’associazione PandaCarpi che gestisce l’oasi.

Nel corso dell’incontro sarà presentato anche il nuovo regolamento per l’accesso all’area che fa parte di un protocollo d’intesa siglato da Provincia, Comune di Carpi e PandaCarpi sullo sviluppo e la tutela della zona protetta, istituita nel 2003 dalla Provincia, su proposta del Comune, con l’obiettivo di «valorizzare la tutela e la conservazione – spiega Caldana - di diverse specie animali e vegetali, oltre a sviluppare nuove forme di ecoturismo e didattica naturalistica». L’assessore comunale Arlettii, inoltre, sottolinea «il ruolo svolto dal volontariato nella gestione dell’oasi» ricordando anche la presenza «di un percorso didattico attrezzato per i disabili, dotato di strutture che possono essere utilizzate in modo autonomo anche dai non vedenti».

Vasta 23 ettari con al centro una zona umida di otto ettari, l’oasi La Francesca è dotata di un centro visita con mostra naturalistica, un percorso didattico nel bosco con cartellonistica del Wwf sulle caratteristiche della flora e della fauna che arriva a un capanno per il birdwatching, da cui si possono ammirare, a distanza per non disturbare, gli animali presenti nel “prato umido” dell’oasi.

E’ possibile anche organizzare una escursione guidata gratuita con i volontari dell’associazione (prenotazioni Franco Losi, - 333 6747849). L’oasi resta aperta fino al 30 giugno; poi in autunno dal 1 settembre al 30 novembre.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
28/2/2008
Numero
253
Ora
12.30
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: giovedý 28 febbraio 2008
data di modifica: giovedý 28 febbraio 2008