Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 1301 del 10/10/2008

a verica di pavullo segnalata la presenza del lupo

in montagna tre nuclei, nessun pericolo per l’uomo

Molto probabilmente è un lupo l’animale fotografato nei boschi di Verica da un allevatore della zona che nei mesi scorsi aveva subito danni alle proprie pecore da animali predatori. Lo confermano i tecnici del servizio Faunistico della Provincia di Modena che hanno esaminato le immagini, anche se la certezza può arrivare solo dall’analisi genetica, l’unica che permette di stabilire il grado di “purezza” di un esemplare di lupo, distinguendolo da cani inselvatichiti e ibridi lupo-cane comunque presenti nell’Appennino.

I tecnici provinciali comunque intensificheranno l’attività di monitoraggio nella zona, mentre la Provincia sta valutando la possibilità di sostenere interventi di prevenzione, come le recinzioni antilupo,  per evitare danni agli allevamenti.

«Il lupo non è pericoloso per l’uomo» spiegano gli esperti ricordando che «è molto difficile da avvistare perché è estremamente diffidente e tende a fuggire alle prime avvisaglie della presenza dell’uomo».

Provincia e Parco del Frignano stanno portando avanti da circa otto anni, a seguito delle prime segnalazioni del ritorno nel lupo in Appennino, un’indagine circa la presenza, la distribuzione e il numero di unità familiari (branchi) presenti sul territorio provinciale.

Le attività di monitoraggio sono state condotte mediante l’utilizzo di tecniche non invasive quali l’analisi genetica condotta su campioni fecali, la conta delle tracce su neve e l’applicazione dell’ululato indotto (“wolf-howling”). Finora è stata rilevata la presenza stabile nel territorio del Parco del Frignano di tre nuclei familiari che gravitano nelle zone di crinale appenninico tra le province di Modena, Bologna, Lucca e Reggio Emilia come indicato peraltro nel Piano faunistico provinciale.

Recentemente è stata individuata la presenza di alcuni esemplari di lupo anche nell’area alto-collinare della provincia (Zocca, Montese, alta valle Panaro), dove sono state raccolte le prime indicazioni e sulle quali si stanno attualmente concentrando le attività di monitoraggio, insieme alla zona di Verica di Pavullo.

Scopo dell’indagine è di garantire la conservazione di una specie che costituisce un importante tassello della biodiversità regionale, italiana ed europea, cercando al contempo di limitare l’impatto su alcune attività tradizionali dell’uomo come l’allevamento e la pastorizia.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
10/10/2008
Numero
1301
Ora
14.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdý 10 ottobre 2008
data di modifica: venerdý 10 ottobre 2008