Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 512 del 29/4/2009

serramazzoni, trova e porta a casa piccolo capriolo
“bambi” a rischio se toccati, come comportarsi

Attraversando un campo nei dintorni di Serramazzoni, un cittadino vede un piccolo di capriolo tutto solo e pensa sia in difficoltà; così lo prende in braccio e lo porta a casa. Poi avvisa la Forestale e consegna il "bambi" che ora è affidato al Centro fauna selvatica Il Pettiross0 di Modena. L'episodio, accaduto nei giorni scorsi, evidenzia, spiegano i tecnici del servizio Faunistico della Provincia di Modena,  «ciò che non si deve fare quando si avvista un piccolo di capriolo. I "bambi" rimasti soli, infatti, non corrono alcun rischio. Questo è il periodo della riproduzione dei caprioli e dopo il parto capita spesso che la madre abbandoni anche per ore il piccolo, limitandosi a sorvegliarlo a distanza, mantenendo il contatto tramite segnali acustici e avvicinandolo solo per allattarlo. Non si tratta, quindi, di cuccioli abbandonati ed è sbagliato toccarli nell'intento di soccorrerli e portarli a casa, anche perché la detenzione di questi animali è vietata».

Nessuno tocchi "bambi", dunque. Quando ci si imbatte in un piccolo daino o capriolo acquattato in un prato, occorre allontanarsi subito perché il contatto con l'uomo produce inevitabilmente un'alterazione dell'odore dei cuccioli, con l'effetto di rendere la madre molto circospetta fino al punto di abbandonarli.

«Purtroppo - spiega Piero Milani, responsabile del Centro fauna -  in questo periodo riceviamo diverse chiamate di cittadini che hanno creduto, in buona fede, di aver soccorso un piccolo di capriolo in difficoltà. Invece, in caso di avvistamento, bisogna allontanarsi senza toccare gli animali e senza indugiare nei dintorni per evitare che la madre, percependo la presenza dell'uomo si allontani, esponendo i cuccioli ai morsi della fame».

L'unico pericolo che corrono questi animali è di finire tra gli ingranaggi delle macchine agricole come capita spesso.

Il Centro fauna selvatica Il Pettirosso di Modena opera sulla base di una convenzione con la Provincia di Modena.

Per le segnalazioni e richieste di intervento sono attivi 24 ore su 24 alcuni numeri telefonici: 339 8183676-339 3535192 oppure è possibile chiamare anche il servizio 118.

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
29/4/2009
Numero
512
Ora
10
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: mercoledý 29 aprile 2009
data di modifica: mercoledý 29 aprile 2009