Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 307 del 13/4/2010

il nuovo calendario venatorio \1 – diventa biennale
dal 15 aprile la caccia al cinghiale, il falco la novità

Apertura della selezione al cinghiale da giovedì 15 aprile con largo anticipo rispetto allo scorso anno quando era partita in luglio; dal 1 giugno via anche alla caccia al capriolo maschio, anche questa in anticipo (nel 2009 era iniziata il 15 agosto), validità biennale e riconoscimento formale alla caccia con il falco. Sono queste le novità principali del calendario venatorio 2010 (che sarà valido per la prima volta anche nel 2011) approvato martedì 13 aprile dalla Giunta provinciale di Modena.

Il primo giorno ufficiale di caccia alla piccola fauna stanziale, però, sarà solo domenica 19 settembre, quando saranno impegnate tutte le doppiette modenesi: sia quelle che puntano alla selvaggina stanziale sia quelle dedicate agli ungulati.

Dal 1 settembre si entra nel periodo di preapertura per ghiandaia, cornacchia grigia, gazza e tortora con limitazioni al carniere.

«La novità più importante - sottolinea Gian Domenico Tomei, assessore provinciale all'Agricoltura -  riguarda un ulteriore rafforzamento della caccia al cinghiale, attraverso l'anticipo dell'attività per i singoli cacciatori, al fine di contrastare la proliferazione che sta provocando troppi danni all'agricoltura in montagna. Già lo scorso anno abbiamo avviato un'azione più decisa che sta dando risultati positivi, tant'è che ora possiamo affermare che la situazione sta migliorando anche se permangono zone critiche come a Pavullo dove l'obiettivo resta la scomparsa totale di questa specie».

La caccia di selezione al cinghiale viene effettuata da circa mille cacciatori autorizzati sulla base del piano di abbattimento stabilito ogni anno dalla Provincia di Modena che sarà definito nei prossimi giorni. Per questo motivo, oltre all'attesa dell'arrivo dei tesserini forniti dalla Regione, di fatto la caccia alla cinghiale partirà con alcuni giorni di ritardo rispetto alla data ufficiale del 15 aprile. Il nuovo calendario stabilisce anche che chi pratica la caccia collettiva al cinghiale (che apre il 19 settembre) non può, nella stessa giornata praticare altre forme di caccia alla fauna stanziale.

Tra le novità figurano anche alcune limitazioni tra cui spiccano la chiusura anticipata della caccia alla beccaccia al 31 dicembre, mentre quella al fagiano e alla lepre chiude il 6 dicembre; nell'Atc Mo 2 la caccia alla pernice rossa termina il 18 ottobre; per la piccola fauna stanziale nelle prime due giornate di caccia ogni cacciatore non potrà abbattere più di un capo; per ogni appostamento temporaneo non possono cacciare contemporaneamente più di due cacciatori e di norma si usano capanni portatili prefabbricati.

Viene specificato che per fucile scarico si intende l'arma che non contiene cartucce  nel serbatoio e nemmeno in camera di cartuccia, mentre per le distanze di sicurezza (150 metri dalle abitazioni) non sono da considerare gli edifici con il tetto crollato e non in ristrutturazione. 

Per la prima volta il calendario provinciale riconosce formalmente e regolamenta la caccia con il falco (consentita dalla legislazione nazionale e regionale) per la quale valgono le disposizioni previste per l'attività venatoria alla fauna stanziale (vedi comunicato n. 308).    

Il calendario venatorio provinciale sarà disponibile nel sito www.provincia.modena.it nella sezione Politiche faunistiche.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
13/4/2010
Numero
307
Ora
15
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: martedý 13 aprile 2010
data di modifica: martedý 13 aprile 2010