Barra navigazione

Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Stampa

Comunicato stampa N° 1194 del 30/12/2011

capodanno senza botti, l’ appello del centro fauna
milani: “animali selvatici a rischio, anche i rapaci”

«Il fragore dei botti scatena nella fauna selvatica reazioni di paura soprattutto in molti animali che hanno un udito particolarmente sviluppato. A rischio quindi non sono solo i cani e gli animali domestici, ma anche diverse specie selvatiche». Lo spiega Piero Milani, responsabile del Centro fauna selvatica Il Pettirosso di Modena, ricordando come «in questo periodo molti uccelli, tra cui anche rapaci, trovano rifugio nei centri abitati e i botti di Capodanno possono essere molto pericolosi per gli animali, non solo per le persone. Giusto quindi vietarli come hanno deciso diverse città italiane, tra cui Modena».

Milani, quindi, lancia un appello «per un Capodanno senza botti o, perlomeno, nelle zone dove è consentito, si riduca al minimo l'utilizzo di petardi e artifici pirotecnici» sottolineando come «lo spavento provocato dalle improvvise detonazioni porta frequentemente questi animali a istintive reazioni di fuga, ma anche a perdere l'orientamento esponendoli così al rischio di smarrimento o, anche a causa della mancanza di visibilità, a incidenti, spesso gravi, come gli schianti di alcuni rapaci con case o lampioni di cui negli anni scorsi abbiamo purtroppo visto le conseguenze. I danni per gli animali sono paragonabili a quelli che si registra nel corso di un grosso nubifragio. E per alcuni sono letali».

L'associazione, il cui Centro si trova in via Nonantolana 1217 a Modena, effettua il recupero e la cura degli animali selvatici in difficoltà sulla base di un convenzione con la Provincia di Modena.

E nei giorni scorsi, nel periodo di Natale, sono stati numerosi gli animali soccorsi tra cui uno splendido esemplare di conuro del sole, un pappagallo sudamericano trovato a Savignano sul Panaro appollaiato, infreddolito e allo stremo su una recinzione di una casa. L'animale, considerato esemplare esotico, molto probabilmente era fuggito dall'abitazione del proprietario e vagava impaurito incapace di procurarsi il cibo autonomamente. Ora è ospite del Centro fauna.

Per le segnalazioni e richieste di intervento sono attivi 24 ore su 24 alcuni numeri telefonici: 339 8183676-339 3535192 oppure è possibile chiamare anche il servizio 118.

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
30/12/2011
Numero
1194
Ora
15
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: venerdý 30 dicembre 2011
data di modifica: venerdý 30 dicembre 2011