Barra navigazione

Competenze

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Barra navigazione | · Il Corpo · Competenze

Competenze del Corpo di Polizia Provinciale

Il Corpo di Polizia provinciale svolge funzioni di polizia locale nell’ambito del territorio provinciale garantendo prioritariamente lo svolgimento delle funzioni di:

  • polizia ambientale ed ittico-venatoria;
  • soccorso in caso di calamità, catastrofi ed altri eventi che richiedano interventi di protezione civile;
  • funzioni di polizia amministrativa nelle materie di competenza provinciale.

Inoltre:

  • collabora con le forze di Polizia dello Stato e degli altri enti locali nel rispetto della normativa vigente e nell’ambito delle proprie attribuzioni;
  • è a disposizione dell’autorità giudiziaria per le attività, da essa delegata;
  • coordina gli operatori di vigilanza volontaria e i coadiutori per quanto disciplinato dalle leggi e da apposite convenzioni nelle materie di competenza.

Ha inoltre funzioni di tutela della sicurezza stradale ai sensi degli artt.11 e 12 del codice della strada.

Il corpo di polizia provinciale svolge inoltre le funzioni di polizia locale per garantire l’osservanza della leggi, dei regolamenti e delle altre disposizioni emanate dallo Stato, Regione, Provincia e comuni.

Il personale del Corpo di Polizia provinciale, nei limiti delle proprie attribuzioni, del proprio stato giuridico e nelle forme previste dalla legge, riveste la qualifica di:

  • agente o ufficiale di polizia giudiziaria (a norma dell’art. 5 legge n. 65/1986 e dell’art. 27 della legge n. 157/1992 e dell’art. 57, commi 2 e 3 del codice di procedura penale);
  • agente di pubblica sicurezza, per quanto previsto dalle leggi, previo conferimento della suddetta qualifica da parte del Prefetto con apposito decreto;
  • agente di polizia stradale (a norma dell’art. 12, comma 2, del D.lgs. n. 285 del 30 aprile 1992 e successive modifiche);
  • pubblici ufficiali ai sensi e per gli effetti dell’art. 357 del codice penale;
  • messi notificatori ai soli fini della notificazione degli atti relativi alle materie di competenza.

A seguito del riordino delle provincie in base alla legge statale 56/2014, poi recepita dalla legge della regione Emilia Romagna 13/2015, in quest'ultima, all'articolo 40, si menziona che, alle Provincie della nostra regione, "relativamente alle materie di fauna, caccia e pesca, rimangono le attività di vigilanza, di applicazione delle sanzioni amministrative e l'introito dei relativi proventi oltre che le attività collegate all'attuazione dei piani di controllo della fauna selvatica".

Gli operatori del Corpo espletano inoltre, a norma dell'articolo 12 comma 1 lettera d-bis del Codice della Strada, servizi di polizia stradale nell'ambito del territorio di competenza.

Negli uffici del Corpo le attività di polizia amministrativa svolte comprendono:

  • ricezione del pubblico agli orari indicati, per comunicazioni, segnalazioni, pagamento sanzioni, da parte dei cittadini;
  • centralino telefonico, aperto per le segnalazioni, sia in orari di ufficio aperto che chiuso, gestito da segreteria telefonica che rilascia numero telefonico degli operatori reperibili (12 ore giornaliere);
  • gestione verbali di accertata violazione amministrativa, dalla notifica alla messa a ruolo, all'emissione delle ordinanze-ingiunzioni di pagamento e confisca per la legge 689/81;
  • trasmissione patenti di guida e carte di circolazione ritirate, alla Prefettura e all'ex Motorizzazione civile, nell'ambito del CDS;
  • estione verbali emessi a norma del CDS e trasmissione decurtazione punti sulla patente di guida all'anagrafe nazionale;
  • nell'ambito della materia faunistica e venatoria, trasmissione delle comunicazioni per la sospensione dei documenti alla Questura ed ai Comuni;
  • gestione e trasmissione delle relative segnalazioni a seguito di emissione di verbali redatti per violazione delle norme su caccia, pesca, ambiente, tartufi, funghi, prodotti del sottobosco;
  • coordinamento delle guardie volontarie in materia ittico-venatoria; gestione pratiche riconoscimento guardia giurata volontaria ittico-venatoria;
  • ricezione delle denunce ed esposti, a norma del CPP, per le materie di competenza, da parte delle guardie giurate volontarie e da privati cittadini;
  • gestione riscorsi in materia venatoria e in materia di Codice della Strada (presentati in Prefettura o al Giudice di Pace); redazione e trasmissione memorie e rapporti.
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: martedý 15 maggio 2018
data di modifica: martedý 15 maggio 2018